Crea un perfetto lead nurturing per gli iscritti alla tua newsletter

Usa sequenze automatiche per portare il tuo email marketing al livello successivo.

Crea un perfetto lead nurturing per gli iscritti alla tua newsletter

L’email marketing è uno strumento efficace per generare guadagni online – spesso senza bisogno di muovere un dito. Usare una sequenza automatica ti permette di portare il tuo marketing via email al livello successivo.

L’ultima volta abbiamo parlato delle basi di email marketing, che possono aiutare le tue vendite a decollare. Come stanno funzionando questi consigli?

Se tutto sta andando liscio, probabilmente sei pronto per passare al prossimo livello.

Se il tuo prodotto è scaricabile, e quindi completamente automatizzato, non esistono limiti quando si parla di email marketing. In ogni caso, che tu proponga un servizio o un prodotto fisico, l’email marketing può portare le vendite alle stelle!

Crea un “nurture funnel”

Una delle prime cose da fare è configurare una “sequenza nurture”, ossia un “funnel”. Probabilmente suona più complicato di quanto non sia: è semplicemente una serie di email automatizzate che la gente riceve pochi giorni dopo essersi iscritta alla tua newsletter.

Può avere un grande impatto sul tuo business, perché permette alle persone di conoscerti – e di comprare il tuo prodotto!

Come iniziare?

Nel primo messaggio, presenta te stesso  e la tua attività – e magari inserisci un link che rimanda al tuo prodotto gratuito. L’idea è quella di farti conoscere, in modo che le persone capiscano che sei il migliore nel tuo campo.

Nel secondo messaggio, racconta qualcosa in più su chi sei, e perché sei speciale. Se hai diversi prodotti gratuiti, inseriscine un altro in questo messaggio. Se offri consulenze gratuite, può anche essere l’occasione per ricordarlo ai tuoi followers. Maggiore è il valore dei contenuti gratuiti, maggiore sarà l’interesse delle persone ad acquistare i tuoi prodotti a pagamento.

A partire dal terzo messaggio, puoi presentare la tua offerta a pagamento.

Ricorda, non tentare di vendere cose troppo strane o costose. Ebook, corsi online e workshop sono opzioni perfette.

Chiudi con qualcosa di valore

Il tuo ultimo messaggio dipende dal risultato di quello precedente: per quelli che hanno sfruttato la tua offerta, invia una nota di ringraziamento e un link per compilare un sondaggio di valutazione.

Coccola un po’ anche chi non ha comprato nulla: possono diventare clienti in seguito, per cui continua a tenere vivo il contatto. Manda qualche link ai tuoi contenuti gratuiti più apprezzati, per esempio, o ricorda loro dei servizi gratuiti che offri. Cosa importante: rispondi a tutte le domande che ti arrivano via email.

Continua a provare e a perfezionarti

Non farti intimorire dagli aspetti tecnologici delle newsletter. Datti il tempo di familiarizzare con il tuo provider mail, imposta la sequenza e fai gli aggiustamenti necessari.

Di solito è una buona idea monitorare i tuoi dati per qualche settimana, per poi perfezionare il tuo funnel. Il tuo provider email, infatti, ti può dire con esattezza quante persone aprono i tuoi messaggi; usa questi dati per capire dove perdi followers e cerca di migliorarti.

Con un poco di lavoro all’inizio, i risultati dei funnel automatizzati ti ripagheranno con gli interessi nel lungo periodo.

Blog Photo by Stephen Phillips – Hostreviews.co.uk / Unsplash