Le parole chiave del marketing online che devono entrare a far parte del tuo vocabolario

EO, ROI, CTA, CVR, PPC, GDPR… Scopriamo insieme i termini principali del marketing online

Le parole chiave del marketing online che devono entrare a far parte del tuo vocabolario

SEO, ROI, CTA, CVR, PPC, GDPR… Stiamo parlando di razzi spaziali, di leggi sulla protezione dei dati personali o di marketing digitale? Dell’ultimo, ovviamente! Questo glossario ti aiuterà a parlare fluentemente il linguaggio del business online

Quando ascoltiamo due marketer online parlare tra loro, un estraneo può finire col chiedersi se parlino la sua stessa lingua. Il gergo digitale, infatti, è pieno di acronimi apparentemente incomprensibili.

Tuttavia, si può imparare questo linguaggio! Gli esperti marketing di Surveyeah hanno messo insieme questo glossario, che ti farà sembrare un professionista.

Freebie

Ovvero “Calamita di followers” o “offerta gratuita” (“free offer”).

Un freebie è un prodotto o servizio gratuito che permette al tuo pubblico di saggiare la qualità del tuo lavoro. Di solito viene usato per invogliare le persone a iscriversi alla tua newsletter, in modo che tu possa entrare in contatto con loro e, in seguito, invitarli a provare le tue offerte a pagamento.

Leggi di più: Come creare il tuo primo prodotto digitale

Lead

Ossia la “possibilità”, il cliente “potenziale”.

Un lead è la persona che scarica i tuoi freebie e in questo modo esprime il suo interesse per il tuo lavoro. Può diventare un cliente pagante, se giochi bene le tue carte.

Nurturing

Una volta che hai catturato l’attenzione dei tuoi lead, è tempo di “coltivare” (in inglese “to nurture”) questa relazione prima di sfoderare le armi pesanti del marketing. Ad esempio, si possono utilizzare una serie di email o i social per consolidare il rapporto con i potenziali clienti. Lo scopo è aggiungere valore gratuito prima, e poi inserire un po’ di marketing.

Funnel

Un funnel è una serie di attività (letteralmente “imbuto” di attività) in cui coinvolgi i tuoi lead, allo scopo di trasformarli in clienti paganti. All’inizio del funnel, come in un imbuto, hai un vasto gruppo di lead, e a ogni step ne rimangono sempre meno: restano cioè le persone davvero interessate. Ciò è normale, e significa pure che alla fine del funnel potrai includere anche delle operazioni che richiedono una parte maggiore del tuo tempo, come chiamate personali o consulenze gratuite.

Leggi di più: Crea un “nurture funnel” perfetto per gli iscritti alla tua newsletter

Engagement rate

In italiano “tasso d’interazione”.

Quando “coltivi” i tuoi lead nel modo giusto, le interazioni aumentano. L’Engagement rate ti mostra se il tuo pubblico è realmente attivo e ti aiuta a capire come avvicinarti ancora di più ai tuoi followers. Maggiore è il loro coinvolgimento, migliori sono i risultati.

Il tasso d’interazione è calcolato in base al numero dei followers e delle reazioni generate. Se hai 1000 followers sui social o iscritti alla newsletter di cui 50 mettono mi piace, commentano o condividono i tuoi post, il tuo engagement rate sarà del 5%.

Leggi di più: Aumentare il coinvolgimento dei followers aumenta i tuoi guadagni online

Call-to-Action

Anche nota come “CTA”, letteralmente significa “Chiamata all’Azione”.

Le interazioni, infatti, possono essere stimolate usando valide Call-to-Action. Inseriscine una in ognuno dei tuoi contenuti, per invitare le persone ad agire. Può essere un pulsante “Compra ora” sul tuo sito, un link “Organizza una call” sulla tua newsletter, o semplicemente un post sui social che chiede alle persone di raccontare la loro esperienza. L’importante è inserirne sempre una!

Conversion rate

Anche noto come “CVR” o “Tasso di Conversione”

Se scegli con saggezza le tue CTA, vedrai probabilmente un picco nel tuo Conversion rate. Il tasso di conversione ti dice quanti dei potenziali clienti iniziali finiscono con l’acquistare il tuo prodotto. Se 100 persone si iscrivono per i tuoi freebie, 20 di loro prenotano una call con te e 5 alla fine comprano, il tuo Conversion rate sarà del 5%.

ROI

Un’alta conversione porta a un alto ROI. ROI è un acronimo per “Return On Investment”, ossia “ritorno sull’investimento”; esso ti aiuta a valutare quanti soldi ricavi dal tuo lavoro e dalle spese pubblicitarie. Il ROI è facile da calcolare: se spendi 100 € in annunci che ti portano 500 € in vendite, il tuo ritorno sull’investimento è del 400%.

Ora è tempo di fare pratica e di iniziare ad utilizzare questi concetti come nessun altro. Quando sei pronto per un nuovo step, puoi ampliare il tuo vocabolario con questi strumenti gratuiti:

Glossario Digital Marketing: Dalla A alla Z

Glossario di web marketing, e-commerce, pubblicità online e digital marketing

Photo by Bram Naus on Unsplash